Acquaviva Italia: prime consegne ad Amatrice



Articolo di prnews in data 21-09-2016

Sono iniziate le prime consegne ad Amatrice. La società italiana Acquaviva Italia ha già raccolto donazioni per 456 boccioni. Altri 456 boccioni di acqua in Pet verranno aggiunti nei prossimi giorni dalla società stessa, oltre ai 1936 già predisposti e pronti per la spedizione con un autotreno. Tutte le donazioni vengono messe a disposizione della Protezione Civile e verranno utilizzate per le popolazioni del centro Italia colpite dal violento sisma.

Acquaviva Italia commercializza acqua in boccioni e ne segue tutta la loro vita dalle fonti di imbottigliamento fino al riciclo. Il processo produttivo parte infatti dalle due fonti di proprietà in Veneto fra le Piccole Dolomiti e in Molise nella zona della sorgente Cannavine. Gli stabilimenti di imbottigliamento sono situati accanto alle fonti. I boccioni pieni d’acqua vengono stoccati nei magazzini sparsi in Italia in attesa di essere consegnati ai clienti direttamente dal personale dell’azienda entro 10 giorni dall’imbottigliamento. La società provvede poi a ritirare i boccioni vuoti dai clienti e ad avviarli al trattamento per il riciclo, che avviene attraverso il procedimento certificato RiPET.


Tag annuncio: Acquaviva Italia, Amatrice, sisma, Riccardo Marchini, acqua in boccioni, aiuti terremoto